Cycle « Città del futuro » – The Wire. Degrado e rigenerazione della grande città.

Le Dipartimento di Architettura de l’Université de Bologne organise en 2016 un cycle sur le thème de la ville du future, « Prospettive urbane, Immagine e critica », en collaboration avec l’Institut Français d’Italie et l’Alliance Française de Bologne. Le projet a reçu le soutien du fonds d’Alembert et bénéficie du label de l’Université Franco-Italienne.

 

« The Wire » – Degrado e rigenerazione della grande città. 

La serie televisiva e il caso di Baltimore

15 aprile 2016

par Stefano Ascari


 Il seminario conclusivo della ricerca “The Wire – Degrado e rigenerazione della grande città” si è svolto presso la Scuola Superiore di Studi Umanistici e si è articolato in quattro interventi e in un momento di approfondimento e dibattito che ha coinvolto tutti i partecipanti al percorso di studio di cui sopra.

La giornata si è aperta con la proiezione di un montaggio di sintesi che ha ripercorso, attraverso le sequenze più significative, i temi affrontati nelle giornate precedenti del seminario dai vari relatori coinvolti. È stato così sintetizzato e richiamato un percorso che si è articolati nei seguenti nuclei tematici: “This’ America, man. La violenza razziale e l’etica dell’antifona nella prima stagione di The Wire” (Pierpaolo Ascari, assegnista estetica DA – UNIBO), “Nell’occhio del ciclone. Ovvero, la fabbrica della globalizzazione.” (Vando Borghi, docente di Sociologia, UNIBO), “McNulty, la linea e il circolo. Tentativi per un finale.” (Ivano Gorzanelli, dottore di ricerca in Estetica e collaboratore DA – UNIBO), “A cosa serve la scuola?” (Ugo Cornia, scrittore e dottorando DA – UNIBO) “Quinta stagione: il sistema della comunicazione” (Francesco Mazzucchelli, assegnista Dipartimento Comunicazione UNIBO), “That’s the game. Scritture della città in The Wire.” (Stefano Ascari, sceneggiatore e dottorando DA – UNIBO), “Into The Wire. La produzione e la post-produzione in The Wire.” (Roberto Rabitti, videomaker, docente Master di Alta Formazione sull’Immagine Contemporanea – Fondazione Fotografia, Modena), “Sound design e musica in The Wire.” (Lucio Spaziante, ricercatore UNIBO), “Sweet home Baltimore. Il racconto urbanistico in The Wire” (Valentina Orioli, docente di Urbanistica, DA – UNIBO), “It’s Not TV. It’s The Wire. Il ruolo della serie nella costruzione del brand HBO.” (Paola Brembilla, dottoranda Dipartimento delle Arti Visive, Performative e Mediali, UNIBO), “Vivere e morire a Baltimora. The Wire e il noir metropolitano.” (Attilio Palmieri, dottorando Dipartimento delle Arti Visive, Performative e Mediali, UNIBO).

 

Intervento_Scrittura_Urbana_The_Wire_Pagina_30

L’intervento di François Jost (Université Paris 3 – Sorbonne nouvelle) “Voir ou raconter la ville?”  si è soffermato sulla modalità di restituzione della città di Baltimora nella serie di David Simon. Secondo Jost, il dispositivo di monitoraggio mostrato in “The Wire” si situa all’opposto della pretesa ubiquità del controllo messo in scena in “24” o dai droni di “Homeland”. Si tratta di uno monitoraggio specifico che coinvolge l’osservazione e la fotografia, così come l’ascolto puntuale: come tale, il dispositivo assume che la realtà sia compresa nella gamma dell’osservazione del visibile e dell’udibile. Come si nota nel corso degli episodi, lo sguardo sulla strada (perché “si rimane a livello della strada” secondo quanto affermato dal Detective Kima Greggs al Sergente Daniels nel quarto episodio della prima stagione) si problematizza solo quando non riesce a « decifrare » il vero: quasi come se la polizia osservasse dei moti browniani privi di significato e di senso. È una città fatta di sguardi che si palesano agli osservatori in assenza di un senso percepibile, tanto ai trafficanti quanto ai loro persecutori (cit. Avon Barksdale “non so cosa sto cercando”). “The Wire”, sempre secondo Jost, traccia un percorso che non è solo il risultato di un’indagine sulle istituzioni in disarmo: rappresenta piuttosto un cambiamento nel modo di percepire la città. Allo sguardo, che difficilmente produca una descrizione pura e semplice, si sostituisce gradualmente la costruzione di una narrazione, di un racconto (récit): il tema dunque è capire come questo sguardo si costituisce, si articola e agisce. Se quindi poliziotti e criminali condividono una modalità di visione fondata su un racconto (privo di un’origine precisa, un ‘rumore’), altri attori partecipano alla costruzione della visione della città grazie al ricorso ai media, che danno forma alla realtà in funzione di una precisa strategia di storytelling.

 

Intervento_Scrittura_Urbana_The_Wire_Pagina_24

L’intervento di Ariane Hudelet (Université Paris Diderot) “My Name Is My Name : Signs and Referents in The Wire” si è soffermato sulla implicazioni economiche e morali dell’economia disincarnata rappresentata nella serie. Nella sua rappresentazione delle drammatiche conseguenze del capitalismo nella città di Baltimora, “The Wire” denuncia innanzitutto la perdita di valori umanistici: molti elementi della serie sottolineano infatti come l’economia sia sempre più scollegata dalla realtà. Prodotta prima della crisi economica del 2007-2008, la serie si è rivelata lungimirante per quanto riguarda la vacuità referenziale dell’economia finanziaria. Questo scollamento tra segno e referente (denaro / beni o servizi) è sviluppato, nella serie, e applicato a molti altri tipi di segni o rappresentazioni, siano essi figure, immagini, parole o artefatti. L’intervento ha quindi analizzato tratti dalla serie con riferimento specifico alla sceneggiatura, alla fotografia e allo screenplay, per mostrare come “The Wire”, nella tradizione distopica di “1984”, rappresenti non solo un’esplorazione delle implicazioni nel mondo reale di un’economia disincarnata, ma anche le questioni umane e morali sottese allo stato attuale dei segni e delle rappresentazioni. L’intervento di Hudelet trova approfondimento nel testo della stessa autrice di recente pubblicazione (“The Wire. Les règles du jeu”, 2016, PUF, Parigi).

 

Intervento_Scrittura_Urbana_The_Wire_Pagina_37

L’intervento di Guglielmo Pescatore (Dipartimento delle Arti, UNIBO) ha analizzato il rapporto tra The Wire e i modelli produttivi della serialità USA segnalando come la serie di Simon, così come ogni altra produzione seriale americana, sia fortemente influenzata da modelli economici, tendenze di mercato, tipologie di produzione e di distribuzione televisiva (canali premium a pagamento vs canali generalisti che si sostengono grazie alla pubblicità), formati di prodotto. Pur appartenendo a quella categoria ambigua che è la quality television, “The Wire” risente dunque di una forte compenetrazione tra determinazioni di tipo estetico/creativo e vincoli produttivi. L’intervento ha quindi restituito la peculiare congiuntura economico/produttiva (in particolare del canale HBO che ha prodotto la serie) che ha permesso lo sviluppo della serie, influenzandone aspetti tematici, narrativi, di stile, di formato e di ricezione critica.

 

Intervento_Scrittura_Urbana_The_Wire_Pagina_34

Giovanni Leoni (Dipartimento di Architettura, UNIBO) nel suo intervento “The Wire: la città-azione” ha sottolineato come, sin dalle premesse (con riferimento all’introduzione di David Simon al volume di Rafael Alvarez “The Wire. Truth be told”, 2004, New York), “The Wire” proponga una lettura della città basata sull’identificazione in forme culturalmente riconosciute, una città in cui tutto conta (“all the pieces matter” secondo la citazione di cui sopra) e prodotta da un insieme d’azioni, quindi sottratta in parte all’azione del progettista/specialista. Questa lettura inserisce la riflessione sulla città attuata in “The Wire” in una tradizione in qualche modo iconoclasta rispetto alla produzione di immagini di città che potremmo definire “pubblicitarie”: la Baltimora di Simon è una merce priva della corrispettiva immagine pubblicitaria. Di più: la rappresentazione non verte sulla città in quanto merce (immagine) ma sulla città-azione costituita dai flussi di vita, dall’azione degli abitanti della stessa. Questa idea della città come contenitore di vita che tiene insieme una dimensione tipologica e figurale e un dato di realtà colloca la riflessione di Simon in un contesto comune ai lavori di Venturi e Scott Brown (Learning from Las Vegas, 1927) di Christopher Alexander (A City is not a Tree, 1965) dove l’astrazione matematica del sistema relazione diventa chiave della rappresentazione di un insieme irriducibile di circostanze.

 

Nella seconda parte della giornata il dibattito ha messo in campo alcuni temi frutto della riflessione multidisciplinare alla base del percorso di studi. Segnaliamo tra gli altri gli interventi di Andrea Borsari sul merito specifico dell’analisi di « The Wire » rispetto all’indagine delle modalità di rappresentazione della città (con riferimento ai precedenti cinematografici del city movie) e di Cristina Demaria che ha sottolineato la dinamica di produzione di senso e significato interna alla serie.

I lavori del seminario sono attualmente in corso di raccolta e coordinamento sulla base di un’ipotesi di restituzione complessiva dell’approccio laboratoriale e fortemente multidisciplinare attuato.

Il seminario “The Wire – Degrado e rigenerazione della grande città” è stato coordinato da Andrea Borsari (docente di Estetica del Dipartimento di Architettura, UNIBO) e Cristina Demaria (docente di Semiotica e Analisi dei linguaggi televisivi – Dipartimento di Filosofia e comunicazione, UNIBO) con la collaborazione di Stefano Ascari (dottorando del Dipartimento di Architettura, UNIBO).

 

 

 

 

 

 


Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *