« Oltre il dualismo, dal platonismo a Platone », 15 e 16 febbraio 2017, Università di Padova

Da Francesca Simeoni (Dottorato in Filosofia, Università di Padova)

 

Nei giorni 15 e 16 febbraio 2017 si è svolta presso la Sala Seminari del Dipartimento FISPPA (Filosofia, Sociologia, Pedagogia e Psicologia Applicata) dell’Università degli Studi di Padova una Giornata internazionale di studio sul tema Oltre il dualismo. Sensibile e intelligibile, corpo e anima dal platonismo a Platone”. L’iniziativa è stata organizzata grazie al contributo dell’Ambasciata di Francia in Italia, attraverso l’Appel à projets pour doctorants des Universités italiennes (2016) e ha visto la presenza di illustri docenti francesi e italiani, provenienti dalle Università di Parigi, Padova e Verona, nonché di studiosi, studenti e dottorandi affiliati a diversi Dipartimenti e Atenei, che hanno impreziosito la Giornata con un ascolto attento e un ricco contributo al dibattito che l’ha animata.

Nel pomeriggio del 15 febbraio i lavori sono stati positivamente avviati dal saluto dei Direttori del Dipartimento FISPPA, del Corso di Dottorato in Filosofia e da Benoit Tadié, responsabile della cooperazione scientifica e universitaria presso l’Ambasciata di Francia. Dopo l’introduzione di Francesca Simeoni, dottoranda di Filosofia dell’Università di Padova e responsabile scientifico della Giornata assieme alla prof.ssa Maria Grazia Crepaldi, si sono susseguite le due relazioni dei professori Carlos Lévy e Marco Zambon, incentrate sul destino del dualismo nella tradizione platonica in età imperiale e tardo antica.

Il prof. Carlos Lévy professore emerito dell’ Université Paris IV-Sorbonne e insigne studioso del pensiero di Cicerone e di Filone di Alessandria, ha esplorato il ruolo della musica come veicolo speciale di rapporto con la trascendenza divina in quest’ultimo, con una comunicazione dal titolo “Fonctions de la musique dans la pensée de Philon d’Alexandrie”. Lo studioso francese ha messo in risalto il valore del tutto speciale che la musica riveste nel pensiero dell’Alessandrino, capace di superare il paradigma stoico della scala naturae congiungendo l’uomo al divino, pur ricordando al primo il proprio limite e la propria differenza specifica.

Marco Zambon, docente di Storia del cristianesimo antico e medievale presso l’Università di Padova ed esperto del pensiero cristiano antico, ha proseguito l’approfondimento della tradizione platonica con una relazione dedicata a Origene e alla questione dell’incorporeità di Dio. Se il cristianesimo è caratterizzato da autori che, come Tertulliano, ritengono che Dio in quanto esistente sia anche corporeo, Origene struttura invece un pensiero dell’incorporeità divina, fondato sull’invisibilità di Dio e sulla sua natura intelligibile. Tale concezione mostra la propria problematicità in rapporto al problema della presenza di passioni nel Dio biblico e all’associazione dell’essenza divina all’amore che si riscontra nel Nuovo Testamento.

Ha presieduto la prima sessione tematica il prof. Giovanni Catapano, che ha moderato il fruttuoso e animato dibattito sorto dalle due ricche relazioni.

La mattinata del 16 febbraio è stata dedicata invece all’approfondimento del pensiero di Platone, nel tentativo di restituire la complessità del pensatore di Atene superando le letture dualistiche che la filosofia contemporanea gli ha attribuito, accusando il suo impianto “metafisico”.

Anca Vasiliu, directrice de thèse e responsabile del Centre Léon Robin (Centre de recherche sur la pensée antique) presso l’Université Paris IV-Sorbonne, ha esposto una comunicazione su « Transcendance et immanence de l’âme intellective selon Platon (Timée) et selon Aristote (Mét. Lambda 7 et 9) » riprendendo analiticamente e criticamente alcuni passaggi importanti dell’ultima parte del Timeo platonico e mettendoli in risonanza con lo sviluppo aristotelico della dottrina di Dio come pensiero di pensiero, sottolineando la comune riflessione sul rapporto tra atto noetico e trascendenza.

Linda Napolitano, professore ordinario di Storia della filosofia antica presso l’Università di Verona, si è invece soffermata sull’antropologia platonica ripercorrendo una scelta di testi accomunati dalla questione del rapporto tra anima e corpo, nell’intento di decostruire una loro lettura dualistica, rivelando come l’Ateniese fosse un fine conoscitore dell’intimo rapporto tra corpo e anima, godimento e desiderio e smentendo una lettura psicanalitica di tale rapporto nel senso di un dominio del super-io sull’es irrazionale.

La prof.ssa Maria Grazia Crepaldi ha presieduto la seconda sessione, che ha visto un ricco contributo da parte degli studiosi e studenti presenti nell’animato dibattito sorto dagli spunti offerti dalle due relatrici.

L’iniziativa ha confermato quanto sia fruttuoso il partenariato italo-francese nello studio del pensiero tardo-antico: la convergenza di prospettive e di opzioni teoretiche tra i vari studiosi presenti ha saldato la collaborazione già avviata tra il Dottorato in Filosofia dell’Università di Padova e l’Université Paris IV Sorbonne, mostrando quanto il francese sia una lingua veicolare privilegiata negli studi di questo settore. La sintonia riscontrata nell’impegno in uno studio che valorizzi la complessità del pensiero di Platone, nonché l’originalità della filosofia di età imperiale si è dimostrata proficua e promettente, base di una collaborazione scientifica che si auspica prosegua e si consolidi nel futuro.


Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *