“Virus, immunità e strategie terapeutiche innovative: dalla ricerca di base all’applicazione clinica”, 24 marzo 2017, Cagliari

Elisa Fanunza (dottoranda in biomedicina, Università di Cagliari)

Il 24 Marzo 2017, presso l’aula 102 (asse didattico 5) della Cittadella Universitaria di Monserrato (CA), si è svolta una giornata di studi dal titolo “Virus, immunità e strategie terapeutiche innovative: dalla ricerca di base all’applicazione clinica”.

L’obiettivo della giornata è stato quello di esplorare le relazioni virus-cellula ospite a livello multidisciplinare al fine di porre le basi per la ricerca di farmaci immunomodulanti ad attività antivirale. La giornata ha visto la partecipazione di esperti di fama internazionale: gli immunologi Pierre Olivier Vidalain, Università Paris-Descartes (Francia) e Branka Horvat, Centro Internazionale di Ricerca in Infectiologie di Lione (Francia), i virologi Maria Rosaria Capobianchi, Istituto Nazionale per le Malattie Infettive (INMI) Lazzaro Spallanzani, e Enzo Tramontano, Università di Cagliari, i due chimici farmaceutici Maurizio Botta, Università di Siena, e Simona Distinto, Università di Cagliari, e il fisico Attilio Vargiu, Università di Cagliari.

La giornata è stata suddivisa in due parti, una sessione mattutina, dalle 10 alle 13, e una pomeridiana, dalle 14,30 alle 18,30. La giornata ha avuto inizio con la presentazione dell’iniziativa da parte del prof Enzo Tramontano, a cui sono seguite le varie lectures dei relatori. La prima speaker Maria Rosaria Capobianchi ha affrontato un argomento di carattere generale: la risposta immunitaria innata, prima linea di difesa cellulare, e strategie virali di evasione. In particolare, la dottoressa si è soffermata sui meccanismi con cui i Flavivirus, virus altamente patogenici di cui i più comuni sono Dengue, West Nile e Zika Virus, sovvertono la risposta immunitaria, meccanismo che contribuisce alla loro elevata virulenza. La seconda presentazione è stata quella di Branka Horvat, che si è focalizzata sulla descrizione dell’infezione da Nipah Virus, malattia emergente che costituisce un importante problema di sanità pubblica a causa delle numerose specie animali ospiti e della gravità della patogenicità nell’uomo. Un forte contributo sembra essere dato, anche nel caso di infezione da Nipah virus, dalla inibizione della risposta immunitaria. La terza lecture è stata quella del prof. Enzo Tramontano, che ha spiegato le basi della patogenicità di Ebola Virus, soffermandosi in particolare sulla proteina VP35, in grado di contrastare la produzione di interferone a diversi livelli. Contribuendo all’alta virulenza di Ebola, VP35 rappresenta un importante target farmacologico.

La sessione pomeridiana si è aperta con la presentazione di Pierre Olivier Vidalain, che ha presentato un argomento altamente innovativo, ovvero la ricerca di farmaci immunomodulanti ad ampio spettro virale. Attraverso lo sviluppo, nel suo laboratorio, di un saggio cellulare che permette di mimare la risposta interferonica, si ha la possibilità di testare composti che vadano a bloccare non un virus specifico, ma una grande varietà di virus andando ad agire su molecole cellulari, potenziando in tal modo la risposta immunitaria. Un ottimo esempio di proteina cellulare, DDX3, considerata un target importante per lo sviluppo di farmaci ad ampio spettro è stato quindi presentato dal prof. Maurizio Botta. Nel suo laboratorio, si è dimostrato come l’inibizione di DDX3 porti al blocco della replicazione di numerosi virus a DNA e ad RNA, tra cui HIV-1, HCV, Dengue e Weast Nile Virus. La prof. Simona Distinto ha elucidato l’importanza dell’impiego di metodiche computazionali nel design di nuovi farmaci. La progettazione di molecole bioattive può avvenire attraverso approcci diretti e indiretti, il cui obiettivo comune è quello di ottenere un modello 3D del recettore, chiamato farmacoforo, sulla base del quale verranno progettate le nuove molecole. Le procedure di virtual screening offrono certamente un prezioso contributo per lo sviluppo farmacologico. Ultima presentazione della giornata è stata quella del fisico Dott Attilio Vargiu, che ha discusso sui vantaggi del potere predittivo di varie tecniche computazionali quali il docking molecolare, tecniche di simulazione di dinamica molecolare e metodi quantistici e sulle loro applicazioni. Un esempio è l’uso di simulazioni di dinamica molecolare classica per identificare i residui essenziali per l’interazione fra la proteina VP35 di Ebola e l’RNA, interazione che è alla base della mancata attivazione del sistema immunitario.

All’incontro hanno partecipato circa ottanta persone, tra studenti, dottorandi e ricercatori delle discipline biologiche, chimiche e mediche. Alla fine della giornata gli studenti hanno effettuato un test di verifica dell’apprendimento, il cui superamento ha consentito loro di acquisire un credito formativo universitario (CFU). A tutti i partecipanti è stato consegnato un attestato di partecipazione.

La giornata è stata un’occasione di confronto, discussione e arricchimento delle conoscenze non solo per gli studenti, ma per tutti i partecipanti. Inoltre, ha promosso l’internazionalizzazione della ricerca scientifica, contribuendo a dar vita a nuovi rapporti di collaborazione tra l’Università di Cagliari e i centri di ricerca francesi, e a rafforzare quelli già esistenti con l’istituto Spallanzani e l’Università di Siena.


Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *