Prospettive critiche « Sport, identità operaia e comunismo » Marion Fontaine e Mario Alessandro Curletto, Genova 2 maggio 2016

2016-05-02 PP

da Daniele Bolzani (Laureando in Scienze storiche, archivistiche e librarie, Scuola di Scienze Umanistiche, Università di Genova)

Il 2 maggio 2016, presso l’Alliance Française di Genova, ha avuto luogo una conferenza volta a mettere a confronto il rapporto tra sport, identità operaia e comunismo nel corso del Novecento in Francia ed Unione Sovietica. L’incontro si è svolto nell’ambito della terza stagione di Prospettive Critiche, ciclo francofono di appuntamenti tra saggisti dedicato quest’anno allo sport e alle scienze umane e sociali.

livre-fontaine

Prima relatrice è stata Marion Fontaine, professore associato in Storia contemporanea presso l’Università di Avignone, studiosa di storia sociale, politica del calcio e spettacolo sportivo, e autrice del volume Le Racing Club de Lens et les «Gueules noires». Essai d’histoire sociale (Parigi, Les Indes Savantes, 2010), che è all’origine del saggio I minatori alla conquista del calcio. Modernizzazione sportiva e costruzione identitaria nel mondo operaio francese (in «Memoria e Ricerca», 27/2008, pp. 63-77). Ha illustrato la storia del Racing Club de Lens come esempio d’identificazione tra movimento operaio e società calcistico.

Quando nacque il Racing Club de Lens, nel 1906, il football era prerogativa delle classi medie; tra le due guerre, però, nella città del Nord-Passo di Calais, importante centro di estrazione del carbone, si mise in moto un processo di democratizzazione e di «operaizzazione» del calcio dovuto ad una pluralità d’impulsi. Sempre più spesso gli operai s’interessavano al nuovo sport, fondando di propria iniziativa squadre di quartiere ed abbandonando gradualmente passatempi praticati fino a quel momento, quali la colombofilia. Inoltre, analogamente ad alcuni casi francesi ed italiani – i più significativi fanno riferimento agli stretti rapporti che le famiglie proprietarie delle case automobilistiche Peugeot e Fiat ebbero, rispettivamente, con le squadre del Football Club Sochaux e della Juventus di Torino – fu il padronato ad incoraggiare sia la pratica del gioco del calcio, sia la sua spettacolarizzazione; la nuova disciplina era un’ottima fonte di pubblicità e il suo crescente successo presso le masse, che solo il ciclismo in quel periodo eguagliava, ne faceva un apprezzabile promotore di pace sociale. A questo proposito, la Compagnie des mines de Lens investì nella squadra locale, dando anche mandato, a cavallo tra anni Venti e Trenta, per la costruzione di un imponente stadio. Dal canto loro, i vertici del movimento operaio guardavano al football con sospetto ed ostilità, per due motivi: innanzitutto era percepito l’intervento del padronato nella diffusione del calcio-spettacolo, che veniva quindi identificato come ingranaggio nel meccanismo del capitalismo; in secondo luogo esso era generalmente considerato meno formativo di altri sport, come la ginnastica. Per queste ragioni il Partito Comunista, in linea coi principi dello sport rosso, propose un «calcio senza competizione», senza riuscire però a conquistare consensi e a destare entusiasmo. Fu necessario, dunque, scendere a patti col calcio-spettacolo: dopo la seconda guerra mondiale, la maggioranza comunista della corporazione degli operai scelse di sostenere apertamente il Racing Club de Lens, non soltanto con slogan, ma anche con vere e proprie azioni; la stampa locale associò alla squadra valori tipici del movimento operaio, quali il coraggio, la solidarietà e la cooperazione. Come ulteriore segno d’identificazione, anche i colori sociali della compagine, il rosso ed il giallo, vennero associati al sangue versato dagli operai nelle miniere e all’oro che, per la sua importanza nella vita cittadina, veniva identificato nel carbone. Infine, i comunisti di Lens misero sullo stesso piano il tifo e l’impegno politico, analogamente a quanto si verificava in alcune realtà del Nord del Regno Unito, definite “del Partito Laburista «in preghiera»”. Quella dei comunisti «in preghiera» fu una particolarità di Lens: nel resto della Francia il Partito non commentava il calcio, preferendogli forme d’aggregazione quali l’arte e la letteratura. Fu un legame, quello tra movimento operaio e Racing Club de Lens che, dopo una prima fase di resistenze, venne accettato anche dal padronato, e che finì per influire sulla composizione della squadra; la forte presenza d’immigrati polacchi in zona fece sì che in rosa comparissero molti cognomi dell’Est Europa, e che la Polonia diventasse zona favorita nella quale individuare calciatori stranieri da ingaggiare. Quando il Lens vinse per la prima volta il campionato nazionale, nel 1998, la classe operaia si era ormai disgregata; non si trattava più della squadra di minatori, ma il background culturale di questi ultimi si era ormai radicato nel folklore della tifoseria, che ancor oggi affronta le sue trasferte indossando caschi da minatori.

livre-curletto

All’intervento di Marion Fontaine ha fatto seguito quello di Mario Alessandro Curletto, ricercatore in Letteratura e civiltà russe presso l’Università degli studi di Genova, che ha trattato il tema della diffusione del calcio in Unione Sovietica, già oggetto dei suoi libri Futbolstrojka. Il futból sovietico negli anni della Perestrojka (con Romano Lupi; Bologna, Socialmente, 2008 e Roma, Fila 37, 2015), I piedi dei Soviet. Il futból dalla Rivoluzione d’Ottobre alla morte di Stalin (Genova, Il Melangolo, 2011) e Spartak Mosca. Storie di calcio e potere nell’Urss di Stalin (Genova, Il melangolo, 2005 e Roma, Fila37, 2015).

Come in Italia, in Russia il calcio arrivò via mare, a Pietroburgo, e analogamente al caso francese fu adottato come passatempo della classe media urbana; inizialmente, le grandi distanze tra i principali centri abitati impedirono di organizzare campionati nazionali: nella città della Neva il primo torneo locale è datato 1901. A Mosca investì nel nuovo sport la famiglia d’industriali Morozov, che scalò le gerarchie del panorama calcistico cittadino assumendo nelle proprie fabbriche giocatori e tecnici qualificati, i quali le permisero di aggiudicarsi vari campionati nel primo decennio del Novecento; nel frattempo, nei quartieri operai moscoviti si diffondeva il «calcio selvaggio», ibridazione tra il football e la lotta «muro contro muro» i cui incontri si risolvevano in spettacolari e violente risse tra squadre composte da oltre trenta persone. Fu proprio alla classe operaia che, dopo la Rivoluzione, i bolscevichi affidarono i circoli sportivi, mentre all’interno Partito Comunista si apriva il dibattito su quanto fosse opportuna la competitività, su come essa comportasse rischi di violenze e scarsa solidarietà, sul suo ruolo nella diffusione del gioco d’azzardo, su come vittoria e sconfitta creassero differenza sociale. Per questo s’ipotizzarono il divieto di giocare a calcio o, in alternativa, la creazione di un nuovo sport a metà tra il calcio e gli scacchi che non prevedesse contatto fisico; la pratica fu infine salva, per il riconoscimento di alcuni suoi aspetti militareschi utili alla difesa della patria e, più generalmente, in ossequio all’importanza dell’attività fisica, ritenuta fondamentale per garantire efficienza lavorativa. Fu proprio su questi due tasti che batté Stalin, deciso a far leva sullo sport di massa. Il calcio diventò allora espressione di orgoglio dei maggiori potentati del Paese, ognuno dei quali vantava una squadra identificabile finanche dallo stile di gioco: favorite dalla possibilità di tesserare ogni atleta, s’imposero all’attenzione nazionale le sezioni calcistiche delle polisportive Dynamo e Cska, rispettive emanazioni di polizia ed esercito; poteri relativi avevano le squadre delle fabbriche, come la Torpedo; un caso a parte rappresentava lo Spartak, che poté cercare sponsor e, pur essendo legato ai Soviet, poté permettersi di agire come una squadra occidentale, forte di un grande seguito popolare e delle simpatie degli intellettuali che non vedevano di buon occhio le divise. Differentemente dal Partito Comunista italiano, per esempio, che ancora negli anni Settanta si mostrava ostile al fenomeno del pallone, quello russo “inglobò” il calcio, riconoscendone il ruolo pacificatore e facendone parte essenziale di una cultura di massa.

I relatori hanno sottolineato che queste manifeste appartenenze politiche assumono una grande importanza di natura sociale oggi, poiché sempre più frequenti sono le richieste di riconoscimento mosse da gruppi di tifosi alle società e le pressioni di questi ultimi per potersi associare, avendo voce in capitolo sulle decisioni che determinano la vita del club; esempio assai recente in Francia è quello dell’Olympique de Marseille. Anche in Russia, dopo la fine dell’Unione Sovietica, il legame tra calcio e politica non si è dissolto. Tra le più recenti dimostrazioni di ciò, vi è una sorta di «manifesto» pubblicato da un gruppo di tifosi dello Zenit di San Pietroburgo: essi, sottolineando che la società trae le sue origini dal tessuto operaio cittadino, hanno adottato ideali xenofobi propri dell’estrema destra ed esortato l’adozione di una politica societaria conservativa, tesa a valorizzare esclusivamente calciatori del territorio.

RCL

Voir également l’entretien accordé par Marion Fontaine à Simone Tallone pour le blog sportif Pagina Duecento, en français et en italien.


Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *