Recensione della presentazione dell’opera collettiva “Migrations en Méditerranée” (CNRS Édition, Paris, 2015)

migrations-en-mediterranee

Da Elena Leoparco (giornalista Help consumatori)

Dal 4 al 6 maggio 2016, a Roma, si è tenuto un convegno internazionale sul tema “Mediterraneo: giovani, migrazioni e sviluppo”, organizzato dall’École française, in collaborazione con il Dipartimento di metodi e modelli per l’economia, il territorio e la finanza dell’Università La Sapienza, e con la Cattedra Unesco Popolazione, Migrazione e Sviluppo, l’Institut universitaire de France, l’Istituto francese Italia e l’Università italo-francese. Obiettivo del colloquio internazionale è stato quello di analizzare il ruolo del bacino del Mediterraneo nelle dinamiche migratorie e di sviluppo, in una prospettiva diacronica. L’appuntamento di apertura, che si è svolto presso la sede dell’École française, è stato l’occasione per presentare il libro “Migrations en Méditerranée”, opera collettiva realizzata da ricercatori e studiosi della tematica e coordinata da Camille Schmoll (CNRS- Parigi), Hélène Thiollet (CNRS- CERI- Sciences Po.- Parigi) e Catherine Withol de Wenden (CNRS- CERI- Sciences Po- Parigi).

Il Mediterraneo è oggi il luogo in cui sono in atto i più grandi scontri del mondo, da Est a Ovest, e da Nord a Sud. Un universo tutt’altro che omogeneo, all’interno del quale trovano spazio elementi di rottura e discontinuità molto forti, così come considerevoli fattori di somiglianza e prossimità. Nel tentativo di identificare questi elementi di continuità e di rottura, il testo in questione scandaglia l’evoluzione dei sistemi di migrazione nello spazio e nel tempo, le trasformazioni della mobilità umana, i cambiamenti istituzionali politici, culturali, economici e sociali che hanno accompagnato, e accompagnano, questi processi. Gli autori si sono soffermati sugli effetti delle frontiere, della geografia, della storia migratoria, nonché sugli aspetti legati all’appartenenza locale, nazionale, regionale e transnazionale, cercando di proporre una visione delle dinamiche migratorie meno euro-centrica rispetto a quella che caratterizza attualmente l’analisi del fenomeno.

Le prime riflessioni sul contenuto dell’opera sono state presentate da due delle curatrici del volume, Catherine W. de Wenden e Camille Schmoll, che hanno sottolineato come, nel momento in cui ha avuto origine il progetto di ricerca che è alla base della realizzazione del libro (2014), non si aveva ancora sentore di quanto i temi affrontati avrebbero poi avuto un legame così stretto e drammatico con l’attualità dei fatti che stiamo vivendo. Il libro, precisa Catherine W. de Wenden,si pone diversi interrogativi, primo fra tutti l’andamento dei flussi migratori nel tempo, ma anche il cambiamento degli spazi migratori: un insieme di logiche e schemi messe in atto da attori istituzionali e non istituzionali che favoriscono o intralciano l’incontro tra le due rive del Mediterraneo. Diversi sono i sistemi migratori relativi ai vari Stati che circondano il Mediterraneo e diverse sono le motivazioni che possono essere alla base degli spostamenti da un paese all’altro. Vi è tuttavia un aspetto che bisogna considerare quando si vuole affrontare il tema delle migrazioni nell’area mediterranea, ossia il fatto che si tratta di dinamiche che affondano le loro radici nel passato e che in questo momento, a causa di una serie concomitante di eventi e di crisi, stanno producendo un’accelerazione di flussi migratori in realtà sempre esistiti. È pur vero, precisa Camille Schmoll, che questa intensificazione dei flussi sta conducendo ad una crescente crisi della solidarietà europea, crisi lesiva anche dei principi fondamentali dell’Unione, come quello della libera circolazione delle persone nell’ambito dello spazio Schengen. Abbandonare quindi una visione eurocentrica del fenomeno migratorio, e avvicinarsi invece ad un approccio che consideri le migrazioni un fenomeno che coinvolge l’intera area mediterranea, è forse il primo passo per evitare di arrivare a criminalizzare questo genere di movimenti.

L’intervento di Elena Ambrosetti (dell’Università La Sapienza di Roma), autrice di un capitolo dedicato all’inquadramento del fenomeno migratorio dal punto di vista dei dati statistici, ha permesso di rafforzare la tesi avanzata dalle due curatrici, ossia che la crisi migratoria attuale è da vedere non come un’improvvisa rottura, ma come un continuum di dinamiche già presenti. A dimostrarlo sono i numeri relativi alla periodizzazione delle ondate migratorie che evidenziano come l’accelerazione dei flussi avvenga in concomitanza di crisi di natura politica ma anche economica (vedi crisi del 1973).

Subito dopo si sono susseguite le riflessioni di alcuni degli altri autori del testo.

Ferruccio Pastore (FIERI- Torino) ha dedicato le sue considerazioni alla posizione e al ruolo volto dal Mediterraneo inteso come spazio migratorio e come luogo di elaborazione e attuazione di politiche migratorie diverse, nel tentativo di sviluppare una politica migratoria europea, rispetto alla quale, nonostante le tante e complesse discussioni, poco o nulla è stato realizzato. Per compensare questa carenza, è divenuto sempre più frequente il ricorso a “soluzioni esterne” di gestione dei flussi migratori diretti verso l’Europa: tali soluzioni hanno portato al consolidamento di relazioni diplomatiche con i paesi di transito, allo sviluppo di partenariati con gli Stati con cui si è condiviso una parte di passato (coloniale), all’aumento del sostegno economico allo sviluppo. Partendo da una definizione funzionale della politica migratoria europea, intesa come “regolazione e gestione dei movimenti di persone verso e attraverso le frontiere degli Stati membri dell’Unione”, nel capitolo “La crisi del regime migratorio europeo”, scritto da Pastore, si mette in evidenza come la mancanza di coordinamento e i forti squilibri di potere tra gli stati coinvolti nell’intero processo migratorio pongano di fatto nuove e importanti sfide per l’Europa.

A queste considerazioni, sono seguite quelle di Manlio Cinalli (FNSP CEVIPOF- Sciénces Po. Parigi), il quale ha inquadrato la sua analisi sulle migrazioni nel Mediterraneo (Capitolo 3- Protezione sociale, migranti e disoccupati nell’Europa mediterranea) comparando le interazioni esistenti tra la protezione sociale, i migranti e i disoccupati, a partire dall’inizio degli anni 2000. Migranti e disoccupati sono, di fatto, due categorie a forte rischio di esclusione sociale, specie in un’Europa fortemente scossa delle conseguenze della crisi finanziaria iniziata nel 2008. È interessante quindi valutare e confrontare i sistemi di welfare state rivolti a queste due categorie sociali nel periodo ante-crisi (2001-2007), con quelli messi in atto nel periodo post-crisi (2008-2014). Si tratta non solo di comprendere le dinamiche istituzionali delle politiche sociali, ma anche di valutare la loro effettiva implementazione, disponendo degli strumenti utili per la lotta all’esclusione.

Un altro caso di studio, fondamentale per le dinamiche delle migrazioni nel Mediterraneo, è stato approfondito da Ali Bensaâd (Univesità Aix en Provence – Marseille) nel capitolo “L’immigrazione subsahariana nel Maghreb. Il Marocco entra nella seconda fase”. La regione, afferma Bensaâd, ha conosciuto un radicale cambiamento nella gestione della questione migratoria, che si è manifestata principalmente con un aumento dei flussi provenienti dall’area subsahariana. Questa presenza, del tutto inattesa, ha posto notevoli sfide alle società dei paesi dell’area, la prima delle quali riguarda il riconoscimento del fenomeno migratorio. L’ipotesi da cui parte l’analisi scientifica individua due periodi: quello della repressione e dell’atteggiamento ambiguo nei confronti dei migranti, e quello, successivo, del riconoscimento e dell’accettazione. Il passaggio a questa seconda fase è un processo che coinvolge tanto i migranti quanto le società dei paesi maghrebini interessati, impegnati nello stesso momento sulla strada del riconoscimento dei diritti ai migrati e sullo sviluppo della democrazia.

L’ultimo intervento in scaletta è stato quello di Thomas Lacroix (direttore aggiunto di Migrinter), il quale ha dedicato la sua attenzione all’analisi di un caso specifico: “La Spagna come crogiolo di ricomposizione di spazi e relazioni migratorie” (Capitolo 18). Il sistema migratorio della Spagna è esemplificativo sotto diversi punti di vista: da esportatore di mano d’opera europea è diventato il secondo paese d’immigrazione al mondo, dopo gli Stati Uniti; al suo interno esistono diverse categorie di migranti e diversi tipi di mobilità; ha adottato una politica di gestione dei flussi molto complessa che all’occorrenza mescola l’accoglienza tollerante del livello locale con misure d’entrata sul territorio molto restrittive e grandi operazioni di regolarizzazione. La crisi economica ha però intaccato fortemente le strutture economiche e sociali del paese e il suo sistema migratorio.


Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *