Figure letterarie dell’odio: Retorica e semantica di un sentimento pubblico.

Da Arianna Prete –

Nelle giornate del 24 e 25 novembre 2016 si è svolto, nella cornice del Salone degli affreschi del Palazzo Ateneo dell’Università di Bari, il convegno di Filologia Francese da titolo FIGURE LETTERARIE DELL’ODIO: Retorica e semantica di un sentimento pubblico.

L’iniziativa è stata promossa dal Dipartimento di Lettere, Lingue e Arti e dal Seminario di Filologia Francese, in collaborazione con l’Institut Français e il Gruppo di studio sul Cinquecento Francese.

La prima giornata ha preso avvio dal benvenuto del Presidente Rosanna Gorris e dalle riflessioni del Prof. Gianni Iotti che ha introdotto il tema del seminario con un imprescindibile riferimento all’attualità. La tematica infatti era stata scelta in seguito all’ondata di attentati terroristici culminata nel massacro del Bataclan di Parigi. Iotti ha osservato che il programma degli interventi sembra preannunciare un arco cronologico delle manifestazioni letterarie dell’odio che si estende dal Cinquecento al Novecento, arco nel quale sembra insinuarsi un intervallo: quello costituito dal secolo dei Lumi e  dalla ricerca del bonheur che caratterizza questo periodo. In realtà è proprio alla fine del Settecento che si manifestano per la prima volta le più moderne forme dell’odio e, sempre in quest’epoca,  si assiste anche  allo sforzo del pensiero progressista di condannare tale sentimento.

Nel  primo intervento il Prof. Jan Miernowski dell’Università del Wisconsin-Madison, tratta del tema dell’odio inteso come categoria estetica. Già nel suo saggio «La Beauté de la Haine» ha riconosciuto all’odio l’indiscutibile valore di motore artistico, di impulso alla letteratura e in particolare  per un genere letterario come quello della pamphlettistica. Egli cita, oltre ad esempi cinquecenteschi, quello di  Céline e il suo furore distruttivo generato da una disperazione in alcun valore, se non quello strettamente letterario: l’accesso alla bellezza si rivela impossibile, la vita non è altro che lenta decomposizione biologica. L’unica soluzione è una nuova forma di sublime: quello della bassezza che capovolge il concetto burkiano. Il male del mondo conduce Céline a un odio ancor più detestabile che si erige però a capolavoro raffinato, a musica dell’odio – come evoca il titolo del suo pamphlet “Bagatelles pour un massacre ».

Segue il contributo della Prof.ssa Franca Franchi dell’Università di Bergamo, la quale discute il tema dell’epifania del Pathein e del corpo femminile come spazio dell’odio. L’Ottocento, assieme a quella della borghesia, vede l’affermazione di una concezione della donna che gli è valsa la definizione di secolo misogino per eccellenza. Nella passione romantica, quale ci viene descritta da numerosi romanzi,  l’uomo non riesce più a dominare il femminile che si configura come l’altro sfuggente e indomabile. Tale impossibilità che sfocia nell’impotenza genera violenza sul corpo della donna che è  aggredito, fatto a pezzi, martoriato.

Successivamente interviene la Prof.ssa Angela Di Benedetto dell’Univeristà di Foggia, che analizza la struttura retorica di tre pamphlet rispettivamente contro ebrei, mussulmani e armeni di Corneilhan, Kimon e Loti: testi che si rivelano più complessi e letterariamente impegnativi rispetto agli standard della corriva pamphlettistica anti ebraica.  Corneilhan si ispira alla formula narrativa del romanzo enigma : constata lo stato di malessere in cui versa la Francia senza indicarne subito il responsabile.  Come l’investigatore riconduce tutti gli indizi al criminale, allo stesso modo, con un’argomentazione a spirale, attribuisce tutti i mali del popolo francese a un unico colpevole, gli ebrei.

Kimon invece demonizza il nemico, prendendo a prestito il lessico della contemporanea criminologia con l’obiettivo di suscitare un sentimento ansiogeno nel lettore, necessario alla presa di coscienza della sua pericolosità. Loti infine  utilizza  una strategia più complessa in quanto deve difendere i Turchi mussulmani e colpevoli di eccidi contro gli Armeni cristiani e vittime. Per poter convogliare le simpatie dei francesi verso i Turchi deve quindi screditare gli Armeni e sottolineare le affinità che invece legano francesi e turchi, affinità fondate sul culto della tradizione. In  questa operazione risulta fondamentale il ruolo che attribuisce a sé stesso .

La prima giornata del seminario si conclude con la Prof.ssa Véronique Ferrer dell’Università Bordeaux Montaigne, che espone un’indagine sull’energia dell’odio in Agrippa d’ Aubigné. «Les Tragiques» trattando delle guerre di religione in Francia considerano l’odio giustificato da Dio. Se sul piano estetico si assiste a un desiderio di distruggere la natura e l’arte, e alla voglia di profanare la bellezza, in realtà l’obiettivo dell’autore è di condannare i disastri della guerra e le disillusioni della pace. L’odio spinge d’ Aubigné a fare dell’arte negativa al fine  che quanto accaduto non si ripeta: come in un chiodo schiaccia chiodo, la rabbia scaccia la rabbia, l’odio combatte l’odio. Quando questo sentimento negativo, una volta sublimato, diventa energia creativa produce un’arte seducente.

Il secondo giorno dedicato al convegno è presieduto dal Prof. Gilles Philippe che presenta il primo ospite. Il Prof. Luciano Pellegrini, insegnante al Licée Emile Zola di Lille, presenta il suo contributo dal titolo Châtiments à l’âge de l’Amour et de la poésie pure. Si tratta della raccolta  di Victor Hugo pubblicata nel 1852, in seguito all’esilio, nella quale l’autore attacca il regime di Napoleone III. Sebbene la raccolta sia intrisa di riferimenti politici, essa riesce a non essere mai faziosa come la caricatura che in prosa fa di Napoleone il piccolo. La poesia infatti,  secondo Hugo, deve assurgere a una partecipazione contemplativa della realtà e non confondersi con la  lotta politica. Essa deve essere profetica, fungendo da monito alle generazioni letterarie del futuro. Per riuscirci deve creare una nuovo linguaggio poetico rispetto a quelle delle precedenti raccolte .

A seguire l’intervento della Prof.ssa Silvia Lorusso dell’Università di Bari che espone il più eclatante caso di misoginia letteraria: le cas Sand. Partendo da una citazione di Barbey D’Aurevilly,  manifesto della misoginia letteraria francese, puntualizza come questo fenomeno antico trovi le sue radici moderne nel pensiero rousseauiano. Da tale fonte provengono diverse forme di quest’odio: una sociale – che vede la donna relegata al ruolo di angelo del focolare domestico –  l’altra morale – che vede i romanzi scritti dalle donne come dissoluti poiché in essi vige l’amour passion e il tema dell’adulterio vi è trattato con indulgenza – una sessista che non riconosce un genio femminile per la letteratura. Questi tre pregiudizi investono la vita della scrittrice. A partire dagli anni Trenta dell’Ottocento e lungo tutto il secolo infatti personaggi rilevanti del panorama letterario – come  d’Aurevilly, Baudelaire e  Nietzsche – criticano aspramente la produzione sandiana e la sua vita privata. George Sand è accusata di decadenza dei costumi, definita nemico per antonomasia del matrimonio e , nei casi in cui le viene riconosciuto il genio letterario, “uomo”. La relazione si conclude con una citazione di Zola che finalmente fa piazza pulita di tutte queste accuse e aggressioni.

Successivamente prende la parola il Prof. Olivier Bivort dell’Università di Ca’ Foscari di Venezia che analizza il tema dell’odio ne «Les Invectives» di Paul Verlaine. Tradizionalmente Verlaine non è passato alla storia come poeta dell’odio;  esiste tuttavia anche un Verlaine realista che riversa il proprio dissenso nella propria opera. E la maggior parte delle sue invettive sono ispirate dal patriottismo e da spirito conservatore. Dal punto di vista stilistico in queste poesia l’oralità è ricercata per dare voce all’invettiva: Verlaine libera le parole dalla norma, gioca con il linguaggio, lo deforma e lo rigenera. Spesso l’originalità consiste nel rivolgersi a personaggi precisi non direttamente nominati, ma evocati attraverso rime o assonanze.

La Prof.ssa Agnese Silvestri dell’Università di Salerno entra con una minuziosa analisi nel vivo della retorica dell’odio degli scrittori dreyfusards e antidreyfusards. Gli oppositori del capitano ebreo non analizzano gli atti del processo e le prove della colpevolezza: manifestano la loro critica esclusivamente attraverso un violento accanimento contro la sua persona. I loro scritti sono caratterizzati da ferocia e brutalità, conditi da continui inviti al suicidio. L’odio viene esteso anche ai sostenitori di Dreyfus, e soprattutto a  Zola. Al contrario, i sostenitori di Dreyfus si appellano ai fatti e preferiscono combattere il loro odio facendo ricorso all’ironia.

La sezione pomeridiana del convegno è presieduta dal Prof. Paolo Tamassia dell’Università di Trento il quale cede la parola alla Prof.ssa Maria Chiara Gnocchi dell’Università di Bologna.

Il  “Récit de voyage” di Edmond Picard , resoconto di un viaggio in Marocco,  mescola antisemitismo e razzismo coloniale, ponendosi come un modello  che influenzerà gli scrittori successivi. Attraverso un’esperienza diretta, Picard trova in Marocco la spiegazione all’intolleranza nei confronti degli ebrei che aveva maturato in Europa e intuisce l’origine della loro difficoltà di inserimento che ha come unica soluzione l’esclusione. L’autore si serve di una serie di immagini per avvalorare il suo discorso, la più pregnante è l’appartenenza di questa povera gente a una categoria inferiore all’uomo nella scena evolutiva.

Anticipa il suo intervento il Professore e scrittore Alessandro Piperno dell’Università di Roma “Tor Vergata”, introducendo un parallelo fra due pilastri della letteratura francese apparentemente in antitesi fra loro. Le corrispondenze tra i due sono molteplici: la centralità dello stile – che entrambi associano al mondo della musica – l’ossessione per la malattia, il nichilismo, la guerra –  che spinge Proust a continuare la scrittura della Recherche -, ma soprattutto l’aver dato voce all’antisemitismo. L’odio di Céline per Proust è noto – é ricco, ebreo e omosessuale – ma è per lo stile  che intende demolirlo. Inserisce il suo avversario all’interno di una categoria di scrittori che  – a partire da Montaigne – non hanno fatto altro che adulterare tutto ciò che hanno toccato: è questo appunto ciò che, secondo lui,  fanno gli Ebrei. Proust, secondo Piperno, aveva anche lui mostrato spregiudicatamente questa forma di comportamento in alcuni personaggi ebrei della sua opera. Il Prof. Piperno conclude suggerendo la visione della grande letteratura come un sismografo e cioè non come uno strumento per creare una nuova realtà, ma come strumento utile a registrare la realtà circostante.

Successivamente il Prof. Gilles Philippe dell’Università di Losanna analizza la narrazione espressionista e la retorica dell’odio nell’opera di Bernanos. Si tratta di una retorica complessa che, sul piano narrativo, autorizza l’espressione pubblica di questo sentimento negativo. L’autore utilizza una tecnica di coinvolgimento del lettore per cooptazione: il lettore viene trascinato e persuaso grazie a descrizioni assai connotate fino al grottesco di personaggi negativi. L’odio per essere accettato deve essere condiviso tra lettore e narratore, i quali finiscono per detestare insieme il nemico.

La Prof.ssa Elena Quaglia dell’Università di Verona tratta di Irène Némirovsky e della presenza ambigua di stereotipi antisemiti nella sua opera. Vengono analizzate tutte le contraddizioni dell’autrice che, sebbene sia stata celebrata come vittima della Shoah, presenta nelle sua opere personaggi di ebrei che non differiscono molto dai ritratti stilati da autori razzisti. Accusata da critici ebrei si difende rivendicando il diritto di poter scrivere in libertà proprio in virtù del suo essere ebrea. In realtà bisogna leggere i ritratti dei personaggi nemirovskiani come la volontà di rappresentare tipi umani che, seppur grotteschi, non diventano mai caricature.

L’ultimo intervento è riservato al Prof. William Marx dell’Università di Paris Nanterre che illustra il suo saggio «La Haine de la littérature» all’interno del quale ha cercato di riunire tutte le accuse che sono state fatte alla letteratura da Platone fino a oggi. L’odio nei confronti della letteratura si manifesta diversamente: quando la si è definita bella ma senza importanza; quando, a fronte della scienza, le si fa perdere credibilità; quando la si considera strumento di corruzione degli individui. Un intervento denso che chiude il seminario in una prospettiva inaspettata: anche la letteratura è stata oggetto di odio e non solo mezzo di quest’ultimo.

Il Prof. Francesco Fiorentino ha concluso il seminario con un ringraziamento agli intervenuti, sia quelli che hanno tenuto le relazioni, sia i numerosi studiosi che hanno partecipato a un dibattito animato e interessante. Grazie a loro è stato possibile appurare come esso – al pari dell’amore – si sia insinuato in tutti i generi letterari – dal pamphlet, alla poesia, al romanzo – e come abbia animato sempre la nostra cultura fino a oggi.

Dott.ssa Arianna Prete


Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *