Gli studi di geografia antica dalla rivoluzione francese ad oggi – Giornata di studi italo-francese

Una recensione di Sergio Brillante e Lucia De Crescenzio

Lo scorso 21 giugno ha avuto luogo presso l’Università degli studi di Bari una giornata internazionale di studi interamente dedicata, per la prima volta, alla storia degli studi di geografia antica e ai forti legami che essi intessono con la società contemporanea. L’iniziativa, dal titolo ‘Gli studi di geografia antica dalla Rivoluzione francese ad oggi’, organizzata da Sergio Brillante sotto la responsabilità scientifica del prof. Massimo Pinto, è stata promossa dall’Institut français Italia con il sostegno dell’Université de Reims Champagne-Ardenne e dell’Università degli Studi di Bari.

Francesco Prontera

Le finalità che hanno animato questa giornata si possono bene sintetizzare con le parole pronunciate da Francesco Prontera (Università di Perugia), studioso di lunga esperienza oltre che fondatore e direttore della rivista Geographia antiqua, il quale, nel tracciare un ricco bilancio degli studi di geografia antica in Italia fra Otto e Novecento, ha osservato: «Una delle prerogative degli studi umanistici è quella di sapersi interrogare sulla storia delle loro stesse discipline». La questione, ha rilevato il professore, acquisisce tanta più importanza se si pensa a come in Italia, alla base della riflessione sul sapere geografico, vi sia una profonda frattura: da un lato ci sono gli studi di storia della geografia, volti essenzialmente all’analisi delle opere di autori antichi, e, dall’altro, la geografia storica, disciplina interessata più specificatamente all’esame dei luoghi e alle modificazioni che essi hanno subito nel corso del tempo. Indagare e comprendere le ragioni storiche che hanno prodotto una tale divisione diviene dunque uno sforzo necessario per rilanciare un fecondo dialogo tra i differenti approcci metodologici, per restituire complessità e spessore alla materia e per individuare nuove linee di ricerca attraverso cui poter leggere anche il presente.

Rosa Otranto e Didier Marcotte

Spaziando tra panorami nazionali e periodi storici differenti, i relatori hanno tracciato un primo interessante quadro di insieme sul tema della giornata, chiarificatore su vari aspetti. Le differenti relazioni hanno soprattutto privilegiato lo studio di singole personalità, mettendone in luce particolari aspetti grazie anche al ricorso a materiali d’archivio inediti. Stefania Montecalvo (Università di Foggia) si è concentrata sulla figura del barone de Sainte-Croix, in gioventù militare in viaggio continuo, e sulla sua progettata edizione dell’insieme dei geografi greci. Aude Cohen-Skalli (Université Aix – TDMAM) ha portato all’attenzione del pubblico il profilo di Maurice Dubois, il quale, dopo una importante monografia sull’opera di Strabone, abbandonò l’ambito degli studi di antichistica per dedicarsi unicamente alla geografia stricto sensu e, in particolare, alla geografia coloniale; la lezione straboniana sull’associazione fra geografia ed egemonia aveva evidentemente dato i suoi frutti (non, certo, dei migliori!) Didier Marcotte (Université de Reims) ha invece rivolto la sua attenzione alla personalità e all’opera di François Lasserre, sottolineando le forme e le modalità di approccio di questo studioso all’opera straboniana (di cui egli fu benemerito editore fra gli anni ’60 e ’70) appoggiandosi anche su alcune sue lettere inedite

Veronica Bucciantini e Sergio Brillante

Veronica Bucciantini (Università di Frienze) e Sergio Brillante (Università di Bari – Université de Reims), in due relazioni distinte, hanno preso in esame l’opera di Friedrich Gisinger, mettendo in luce l’importanza del fondo archivistico a lui dedicato presso la Bayerische Staatsbibliothek di Monaco, contenente numerosi scritti di alto valore scientifico, per lo più inediti.

Chiara Palladino (Università di Bari), in ultimo, ha illustrato alcuni nuovi orientamenti della ricerca nel più ampio quadro metodologico delle digital humanities, riflettendo sui limiti e sulle potenzialità che si generano nell’applicazione delle nuove tecnologie agli studi di geografia antica.

Massimo Pinto e Luciano Canfora

A conclusione della giornata è intervenuto Luciano Canfora (Università di Bari) che, in qualità di esperto della storia degli studi di antichità, è stato è stato invitato a tirare le fila di questo intenso e articolato confronto.

Riallacciandosi ad alcune delle questioni di fondo che hanno attraversato molte delle relazioni presentate, ovvero la mancata integrazione tra gli studi di geografia antica con quelli relativi alla coeva produzione letteraria o le divisioni che quegli stessi studi presentano al loro interno, l’eminente studioso ha ricordato la prima pagina della Storia della filologia classica (1927) del celeberrimo antichista Ulrich von Wilamowitz-Moellendorff, sulle cui riflessioni si è conclusa la giornata:

«Poiché la vita che noi ci sforziamo di comprendere è un’unità, anche la nostra scienza è un’unità. L’esistenza di discipline come la filologia, l’archeologia, la storia antica, l’epigrafia, la numismatica, ora anche la papirologia, è giustificata soltanto nei limiti delle capacità umane e non deve soffocare, neppure nello specialista, la coscienza dell’insieme».

Sergio Brillante

Lucia De Crescenzio


Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *