Alienazioni digitali, distopie contemporanee – Antonio Casilli al Festival della tecnologia

Recensione di Barbara Ziggiotto

Domenica 10 novembre 2019, nell’ambito del Festival della tecnologia e del ciclo Mondo vivente mondo macchina. Omaggio a Leonardo” promosso dall’Istituto francese Italia, Antonio Casilli ha presentato gli ultimi risultati delle sue ricerche dedicate alle nuove forme del lavoro digitale.

Robot, creati per svolgere lavoro umano/ Umani, assunti per svolgere il lavoro dei robot.

Suona contradditorio o, per orecchie allenate, sembra uno dei tanti chiasmi marxiani usati per descrivere un mondo capovolto. Capovolgere – ecco cosa, Antonio Casilli con l’incontro di oggi, ha fatto – la retorica dominante in materia di intelligenza artificiale e lavoro che, di solito, presenta solo le ‘desiderabilissime’ conseguenze di questa interazione: dalla metamorfosi fino alla completa sostituzione del lavoro stesso.

Smascherata l’illusione ci accorgiamo che il lavoro umano non sparisce, solo, si fa invisibile e più vicino a paradigmi del passato. Che cosa serve per produrre un’intelligenza artificiale? Digital labor: lavoro umano digitale e datizzato. Che cos’è?

Modern Times, Charlie Chaplin (1936)

Uber & co.

Primo caso. Lavoro di consegna on demand (uber, fattorini deliveroo, foodora ecc.) che, superata la parte concreta, importa per la produzione di dati. Come? Ad esempio, un guidatore Uber passa molto tempo al volante, ma quasi altrettanto tempo allo smartphone; gestire dati di geo-localizzazione usando più applicazioni, scambiare molti messaggi con i clienti, scegliere un’immagine rassicurante e basare la propria sopravvivenza – come fosse un episodio di Black Mirror – sul punteggio legato alla valutazione degli utenti che, se scende troppo in basso, ‘licenzia’ chi non è mai stato formalmente assunto.

Senza pilota barca non cammina

Tutti dati utili per un robot che Uber cerca di sviluppare: il driverless car, veicolo senza conducente che, in molti casi però, ha ancora bisogno della presenza umana, non per svolgere le normali funzioni di guida ma – e qui arriviamo al secondo caso – micro lavoratori che facciano funzionare questi computer a quattro ruote. Proprio in qualità di computer queste auto registrano l’ambiente circostante e necessitano di qualcuno, un ‘umano invisibile’ che tagghi le immagini. Fantasmi che si sostituiscano ai robot e sono necessari per il loro sviluppo.

Ma qual è l’identità di questi fantasmi? Per rispondere può essere significativo guardare il nome di uno dei servizi Amazon di “Artificial Artificial Intelligence [sic, trattandosi di finte intelligenze artificiali]: Amazon Mechanical Turk”, nome ripreso da Il Turco, automa creato nel 1769 che avrebbe dovuto simulare un giocatore di scacchi, in realtà manovrato da un essere umano. Tra le varie ipotesi su chi vi si celasse nessuna prendeva in considerazione l’idea per cui si nascondesse dentro un bravissimo giocatore di scacchi ma, al massimo, criminali, mutilati o individui appartenenti a minoranze svantaggiate.

Ecco tutto: questo servizio di crowdsourcing che deve addestrare computer per automatizzare i processi, invece di assumere UN ingegnere qualificato, assume centinaia di persone con micro mansioni e micro paghe (uno o due centesimi a funzione) per farlo. Provenienti dai paesi emergenti, questi sono i proletari del ventunesimo secolo: gli operai del click.

Altre piccole remunerazioni di questo tipo riguardano i moderatori di contenuti facebook che, presentati e pubblicizzati come bianchissimi e biondissimi individui hanno provenienze più simili a quelli sopracitati: Filippine, Pakistan, Africa francofona, India, America del sud, in particolare il Venezuela ecc. Se guardiamo sulla mappa chi compra e chi vende digital labor qualcosa potrebbe rischiare di farci ricordare la dominazione coloniale.

Lavoratori involontari

Trascinati dal nome di Facebook arriviamo al terzo caso: il lavoro digitale che noi, noi tutti, in qualsiasi momento regaliamo dalle piattaforme social, postando contenuti o cliccando like. Questo è senza dubbio il caso più insidioso, ma conosciuto. Meno ovvio, forse, il sapere di star ancora regalando lavoro quando ‘’dimostrando di non essere robot’’ stiamo ritrascrivendo piccole parti di libri per google books o, ancora, addestrando veicoli autonomi solo selezionando ‘’caselle contenenti semafori/strisce pedonali/auto’’.

Nuove forme di servitù volontaria

Tutti lavoriamo come pazzi consapevolmente o meno – in cambio di cosa? – si chiede Enrico Donaggio che da filosofo non può che associare il fenomeno a quello della servitù volontaria. Beh, paradossalmente questi individui lavorano assiduamente ‘’segando il ramo su cui sono seduti’’, lavorando cioè per la fantomatica sostituzione del lavoro, un lavoro soltanto transitorio ed effimero che produrrebbe la sua stessa scomparsa, lavorare per non lavorare mai più.

Ma l’automazione completa avverrà mai? Se la risposta fosse affermativa si potrebbe FORSE trovare il modo di giustificare questo gigante teatro dell’assurdo che si sta creando, ma le convinzioni di Antonio Casilli sono fermamente negative causa le caratteristiche intrinseche del fenomeno; una volta addestrate, di queste macchine vanno verificati i risultati e, più queste Intelligenze migliorano, più errori commettono poiché vengono applicate a più campi, ed ecco che il processo di addestramento riparte da capo ­– processo infinito che sta bene a simboleggiare lo spirito del capitalismo, un Infinito che può forse essere ‘contenuto’ in una macchina, ma non vale gli infiniti sforzi e sofferenze di uomini finiti. La presenza umana, dunque, lontana dal divenire superflua diventa, anzi, sempre più necessaria. Infinitamente necessaria.

Allora, ribaltata la seducente retorica della novità, ciò che opera sul futuro del Lavoro, non lo farà scomparire ma semplicemente retrocedere alla precarietà, alla schiavitù, allo sfruttamento, alla dequalificazione, a individui completamente alienati che incarnano di nuovo e perfettamente le parole di Marx ‘’ la perdita completa dell’uomo’’.

Una di queste micro-lavoratrici, intervistata, si chiede perché debba stare tutto il tempo a disegnare quadrati intorno a dei pomodori (tag per insegnare al computer a riconoscerli), dice di non sapere perché sta facendo quello che sta facendo ‘’quando noi tutti (escludendo da tale pronome i robot) sappiamo già come è fatto un pomodoro’’

Se è solo il lavoro umano che può creare ricchezza, se è solo da quello che si può estrarre plusvalore, a cosa servono Amazon e servizi affini, si chiede Enrico Donaggio? Arrivati a far fare il lavoro dei robot agli esseri (dis)umani, come si potrebbe, invece, lavorare davvero umanamente?

Sembra già importante prendere coscienza dei mutamenti in corso e di ciò che, questi mutamenti celano nel sottobosco, coscienza che, un evento come il Festival della tecnologia rende possibile passando per la sacrosanta e spesso dimenticata interdisciplinarità.

E poi, tanto filosoficamente quanto marxianamente usare la pedagogia del – C’è ancora un’alternativa possibile – con una generazione che sembra aver perso ogni potere di desiderare, di immaginare, di vedere oltre ciò che già c’è, di non adagiarsi, di resistere, di negare.

Da Barbara Ziggiotto

Per approfondire: Antonio Casilli, En attendant les robots : Enquête sur le travail du clic, Paris, Seuil, 2019.


Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.